IL CURRICULUM VITAE
Stai visitando una pagina del sito promosso dall'Informagiovani di San Bonifacio

[ HOME PAGE ]

» QUALCHE BUONA REGOLA PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL CURRICULUM VITAE «

Il curriculum vitae (CV) è una sorta di biglietto da visita con cui chi è alla ricerca di un’occupazione si propone sul mercato del lavoro. Esso deve essere, pertanto, la sintesi concisa delle esperienze di studio e di lavoro da inviare ad un’azienda per presentarsi. Il suo principale scopo è quello di suscitare l’interesse dell’esaminatore, che spesso è lo stesso datore di lavoro, al punto da spingerlo e contattarti per fissare un colloquio.

Il curriculum si invia per rispondere ad un annuncio su un giornale, per sottoporre la propria autocandidatura ad un’azienda, per segnalarsi alle Agenzie per il Lavoro e alle Società di Selezione che raccolgono candidature. Al curriculum si può allegare una «Lettera di Presentazione» che spieghi le motivazioni della candidatura, senza tuttavia ripetere i contenuti del curriculum stesso.

Un curriculum deve creare una prima impressione favorevole. Il linguaggio deve essere semplice, con frasi brevi, evitando la terza persona parlando di se stessi o di scrivere il cognome prima del nome; essere corretto nella forma e completo nei contenuti; essere conciso. Spesso un selezionatore dedica ad un curriculum non più di un minuto! Il curriculum vitae deve inoltre invitare colui che lo legge ad un approfondimento mediante la convocazione ad un colloquio di selezione.

A COSA SERVE IL CV?
Consente di sondare le caratteristiche generali del candidato; serve a fare ipotizzare un ruolo per la persona, considerando diversi fattori: i bisogni dell’azienda e le potenzialità del candidato, le sue aspettative, la compatibilità tra il carattere personale da un lato e il clima aziendale dall’altro.

I CONTENUTI
Nella stesura del proprio curriculum conviene: focalizzarsi sulle informazioni veramente significative per la candidatura, omettendo eventualmente quelle che non hanno attinenza con la posizione lavorativa richiesta o che possono risultare penalizzanti; non barare; evidenziare le proprie capacità, valorizzare le mansioni svolte, dare continuità alle esperienze esposte; è bene che il curriculum non superi le due pagine; nel caso di ricerca del primo impiego è sufficiente una sola pagina.

SCHEMA DI COMPILAZIONE
Il curriculum deve essere lo specchio di chi scrive. Non esiste, dunque, il «curriculum perfetto» ma tante versioni che dipendono dalle caratteristiche del mittente e dei destinatari.
Alcune informazioni devono comunque essere sempre presenti:

DATI PERSONALI
Nome, cognome, età, stato civile, nazionalità, indirizzo, recapito telefonico, indirizzo email, codice fiscale, patente di guida.

STUDI COMPIUTI
Preferibilmente in ordine cronologico decrescente (dal più recente a quello più lontano nel tempo). Il voto di laurea va sempre indicato; quello di diploma si riporta soltanto quando è buono o molto buono. Se il lavoro per cui ci si offre è affine al proprio indirizzo di studi, è bene specificarlo; più ancora se la tesi di laurea ha attinenza con detto lavoro.

CONOSCENZA DI LINGUE STRANIERE
Specificare la/e lingua/e e relativo livello di padronanza scritta e parlata. Questi i livelli di conoscenza da indicare: eccellente, buono, elementare.

CONOSCENZE INFORMATICHE
Esplicitare le proprie capacità di utilizzare i principali pacchetti software e altri programmi gestionali, di grafica, database, oltre eventuali conoscenze di linguaggi di programmazione.

ESPERIENZE PROFESSIONALI PREGRESSE
Specificare eventuali ruoli professionali svolti, soprattutto rispetto a responsabilità, rapporto o collaborazioni con altri uffici o sezioni operative. Quali attività sai svolgere, con quali strumenti e metodologie, quanto di tutto questo è trasferibile ad altri settori. È possibile indicare, inoltre se si è disponibili a trasferte, trasferimenti, tirocini, part-time…

INTERESSI EXTRALAVORATIVI
Attività culturali e sociali, esperienze di volontariato, sport praticati, hobby. In particolare, andranno segnalati quegli interessi o attività che denotano attitudini valide anche all’interno
di un’azienda. Ad esempio, partecipare ad attività sportive di squadra o ad associazioni con ruoli di responsabilità indica capacità di lavorare in gruppo e doti organizzative; esperienze di
una durata considerevole all’estero o comunque lontani da casa possono denotare doti di autonomia, curiosità e adattabilità, ecc.

NOTA BENE. Non dimenticare mai di dare l’autorizzazione all’utilizzo dei dati inseriti nel curriculum. Senza questa indicazione, l’Azienda non può neppure prendere contatto con te. Puoi usare la formula standard: «Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi del D. Lgs 196 del 30/ 06/ 03».

IL CURRICULUM FORMATO EUROPEO
Per facilitare le cose sia a chi cerca lavoro, sia a chi cerca lavoratori, la Commissione Europea ha individuato un formato di curriculum vitae standard per tutti i paesi dell’Unione, in grado di fornire immediatamente informazioni sulle qualifiche personali dei candidati. La redazione del formato europeo è consigliata a coloro che mirano a candidarsi a svolgere attività lavorative di profilo medio-alto. Il modello curriculare concepito è quello che garantisce il massimo grado di trasparenza possibile per agevolare le università, gli istituti di insegnamento e di formazione nonché i datori di lavoro a valutare profondamente le competenze del candidato.
Il formato europeo per il curriculum vitae prevede quattro sezioni: informazioni personali, esperienza lavorativa, istruzione e formazione, capacità e competenze personali. Quest’ultima sezione deve però essere avvalorata da opportune certificazioni che è sempre consigliabile allegare al curriculum stesso.
È possibile scaricare un modello di curriculum europeo da qui: clicca qui. Oppure da questo sito: clicca qui

N.B. Si può pertanto procedere alla compilazione della colonna di destra sostituendo il testo nelle parentesi quadre con i dati personali del candidato. Non è opportuno modificare la colonna di sinistra ed è buona regola rispettare l’impaginazione del modello e la fonte dei caratteri utilizzata.

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO
La lettera di accompagnamento al curriculum è uno strumento utile soprattutto per chi desidera proporsi per un’area non direttamente collegata e attinente alla sua preparazione scolastica o all’esperienza già conseguita. Essa valorizza il curriculum, in quanto focalizza l’oggetto della comunicazione e propone, se ben impostata, gli elementi a sostegno della propria candidatura evidenziando le coerenze fra il proprio bagaglio scolastico e di esperienze e le caratteristiche conosciute almeno a grandi linee o ipotizzate per ricoprire la posizione per la quale ci si presenta.

La lettera di accompagnamento non è una lettera di cortesia, ma una vera e propria lettera commerciale che può aiutare a proporsi dando più forza alla propria professionalità. Ė fondamentale, quindi, ricordarsi di focalizzare la propria attenzione sul destinatario e sui suoi bisogni (non sulle nostre aspirazioni!). Quindi se nel curriculum si schematizzano le proprie caratteristiche ed esperienze in modo oggettivo, nella lettera di accompagnamento si propongono le motivazioni «all’acquisto» che dovrebbe spingere chi legge a incontrarci per approfondire la conoscenza. Ti proponiamo di seguito uno dei tanti schemi utilizzabili. Qualora fossi indecisa/o rivolgiti all’Informagiovani.

FAC-SIMILE

Data ................................
Spett.le Ditta .................................
Indirizzo .......................................
C.a.p. – Città ...............................

Oggetto: Richiesta di convocazione ad un colloquio di lavoro ed invio Curriculum Vitae

Cenno alla struttura e all’attività dell’azienda
- «...conosco il settore per esperienze lavorative precedenti…»
- «...mi risulta che la Vostra Azienda sia all’avanguardia, innovativa, leader, in espansione, dinamica…»
- «...sono venuto a conoscenza dell’apertura di nuovi punti vendita da parte della Vostra Azienda; qualora prevediate ampliamento di organico desidero sottoporvi la mia candidatura…»

Caratteristiche personali, capacità, obiettivi professionali (Non ripetere quanto già scritto nel Curriculum)

Proposta di collaborazione, capacità, obiettivi professionali
- «...sono convinto di riuscire, nell’ambito della Vostra Azienda, ad esprimere al massimo le mie capacità ed a valorizzare la mia esperienza…»
- «...certo di potervi offrire una valida collaborazione…»
- «...ritengo di possedere capacità ed esperienza per un proficuo inserimento nella Vostra organizzazione…»

Eventuali referenze
Formule di saluto e firma (Nome, Cognome, Indirizzo, Numero telefonico del redattore della lettera di presentazione e autorizzazione al trattamento dei propri dati personali)
Indicare la dicitura: «Si allega Curriculum Vitae»


CREA IL TUO CURRICULUM VITAE

Ti proponiamo di seguito uno schema per la redazione del curriculum vitae. Puoi personalizzarlo a tuo piacimento, scegliendo il tipo di carattere che preferisci (Caratteri consigliati: Arial - Times New Roman - Verdana). Se richiesto, o se ritieni sia utile inserire la tua fotografia, posizionala in alto a destra. Puoi inoltre segnalare la tua autonomia negli spostamenti da casa al luogo di lavoro, inserendo la voce «Patente» e i dati sulla tipologia di patente (B - C ecc.) e se «automunito».

Fac-simile curriculum vitae


» LINK UTILI «


- Curriculum vitae europeo
- Guida pratica al curriculum efficace
- Guida alla compilazione del curriculum vitae
- La lettera di presentazione

  

HOME PAGE